Come organizzare un battesimo

Battesimo

Il battesimo è quasi un rito di passaggio, un momento che segna l’ingresso del piccolino non soltanto in una precisa comunità religiosa, ma anche in una famiglia parecchio allargata: in queste occasioni infatti non è raro che vengano invitati parenti ed amici che si ha occasione di frequentare raramente o che non hanno ancora avuto modo di conoscere il bebè.

Ecco perché è importante accompagnare la solennità del momento con la gioia di una festicciola, la prima in onore del pargolo.

Il battesimo: cosa bisogna sapere?

Il battesimo è un sacramento, forse il più importante per la comunità cattolica. La celebrazione normalmente avviene in chiesa in una data stabilita a monte dal parroco che cade tra il secondo ed il terzo mese di vita del neonato.

Il rito può avvenire la mattina o la sera, nella chiesa frequentata abitualmente oppure in un’altra. L’intera cerimonia si svolge nell’arco di un’ora (più o meno) ed in genere alla fine della stessa i genitori lasciano al sacerdote un’offerta per la comunità.

Figure di spicco, oltre ovviamente a mamma e papà, sono i padrini e le madrine.

A proposito di madrine e padrini: come sceglierli?

Il padrino e la madrina dovranno fare le veci di mamma e papà nel malaugurato caso in cui non potessero più far parte della vita del piccolino. Non soltanto, così come vorrebbe il rito, avranno il compito di guidare il bambino nel suo percorso religioso, ma dovranno anche sostenerlo moralmente e nella crescita in genere.

Una volta adocchiate le persone giuste, sarà cura dei genitori comunicare a queste ultime la loro decisione almeno un mese prima che il piccolino venga battezzato.

Come ti vesti?

E già, come vestirsi? Mamma e papà, così come la madrina ed il padrino, saranno inevitabilmente al centro dell’attenzione. In ciascuno dei suddetti casi la parola d’ordine sarà sobrietà: gli uomini indosseranno un bell’abito grigio o magari blu impreziosito da una cravatta elegante e da una camicia semplice e possibilmente bianca.

Le donne invece si orienteranno su un tailleur di colore pastello o ancora una volta blu, come quelli che potrete ad esempio trovare su www.tutineneonato.it.

Organizzare la cerimonia: ricevimento, bomboniere e regali

Una volta ottenuta con certezza la data dell’evento e scelti padrino e madrina, bisognerà organizzare la festa vera e propria. Bene, per prima cosa dovrete prenotare il ristorante in cui offrirete ai partecipanti il pranzo o la cena. In alternativa potreste optare per un piccolo rinfresco casalingo o, magari per risparmiare qualcosa, per affittare una piccola sala dove festeggiare il battesimo del piccolino usufruendo di un servizio catering.

Un momento del genere va ovviamente ricordato; ecco perché ad ogni famiglia invitata e a chiunque abbia provveduto ad inviare un regalo, si consegna una bomboniera. Essa sarà uguale per tutti, tranne che per il padrino e la madrina per i quali si sceglierà un oggetto diverso e più importante. La consegna delle bomboniere avviene subito dopo il banchetto o al momento del congedo.

Contemporaneamente gli invitati danno ai genitori i regali acquistati per il loro bebè: di norma si tratta di piccoli monili oppure di più utili oggetti per la puericoltura. Persone un po’ meno vicine al nucleo famigliare invece si orienteranno su regali poco impegnativi.