Perché si manifestano gli attacchi di panico?

Donna preoccupata stressata

Attacchi di panico? Se ti senti strano, e non riesci a capire cosa ti capita, forse ancora non lo sai ma se vittima di un attacco di panico. Questo non vuole essere terrorismo psicologico, ma semplicemente un avviso per chi subisce questi fenomeni.

Come si manifestano gli attacchi di panico

Gli attacchi di panico spesso non si manifestano come tendenzialmente si crede, con manifestazioni eclatanti tipo possessione diabolica ma si consuma in silenzio nell’interiorita di noi stessi. Infatti molte persone che li subiscono non si rendono conto di quello che gli accade fino a che il fenomeno non diventa frequente, e poi l’ intensita di questi e allarmante a tal punto da pensare che si stia avendo una crisi di cuore. Vi è mai capitato di stare accanto a una persona che stà avendo un attacco di panico? Spesso accorgersene è una questione di conoscenza della persona e di sensibilità. Con questo non si vuole negare che esistano manifestazione degli attacchi di panico eclatanti, tipo vere e propie paralisi o svenimenti, ma in questa specifica vi descriverò come si nota l’attacco di panico, con lo scopo di poter ricoscere questi fenomeni e poter aiutare i soggetti colpiti.

Come riconoscere una persona colpita

Si nota un cambiamento repentino dello sguardo, apparentemente senza motivo si nota un pallore spesso accompagnato da piccoli tremiti, il soggetto tende a muoversi scattosamente per i primi minuti, poi si avvertono tremori lievi e si nota un cambiamento del ritmo respiratorio come fiatone improvviso, la persona tende a non farlo notare ma spesso incrocia le braccia al petto e si tocca il viso nervosamente. Un’altra reazione dei colpiti da attacco di panico è quella di allontanarsi dal suo interlocutore, e può giustificare dicendo che non si sente tanto bene. Il modo migliore di aiutare queste persone in questi momenti è di non lasciarli e chiedergli come stanno dopo di che dovete rassicurarli che quello che provano passerà presto e una tecnica che funziona è quella di fargli fare u’auto pressione in un punto chiamato “Punto dolente” situato fra la spalla e il petto. E come un interruttore che spegne l’attacco di panico.